Dott.ssa Patrizia Franco
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Sapete cosa è il Bliss Point?
Bliss Point significa “punto di massima beatitudine ” indotta da un alimento.
Le industrie alimentari creano prodotti che possano stimolare il piacere,fino ad instaurare assuefazione o dipendenza!
La giusta miscela di grassi, zuccheri e sale , che si esaltano l’uno con l’altro,riesce a generare una grande produzione di neurotrasmettitori, in particolare la dopamina e la serotonina, implicati nel circuito di ricompensa del cervello, per donarci un apparente piacere.
La combinazione, studiata minuziosamente  a tavolino ,dei “3 carnefici “, come mi piace chiamarli, è particolarmente seduttiva.
I grassi rendono gli alimenti più desiderabili e così il biscotto diventa più croccante, l’h ot dog meno pastoso, le patatine si trasformano in una irresistibile leccornia.
Il sale, oltre ad esaltare il sapore del cibo, impedisce l’aumento della carica batterica e, perché no, prolunga i tempi di scadenza del prodotto.
E poi, è proprio il caso di dire “dulcis in fundo”, c’è il re del junk  food, lo zucchero. La sua funzione non è solo quella di dolcificare, ma anche di rendere i prodotti più friabili e croccanti e di perfezionarne il volume e la compattezza.
E le nostre papille gustative ringraziano, ma ancor di più, il nostro cervello gustativo che va in estasi , perde il controllo e continua a cercare zucchero in una spirale poco virtuosa.
Siamo in trappola.
L’industria alimentare è riuscita ad omologare i gusti e i desideri, alterando la percezione sensoriale e porgendoci un prodotto finale illusorio che di buono forse ha solo un allettante packaging, avviandoci ad un banale, se non volgare istantaneo  appagamento dannoso per il corpo e per la mente. Mi chiedo, ma non potremmo cercare il punto di massima beatitudine, in contesti diversi?Eppure sì che ne esistono.
Ci faremmo tutti meno male, anzi potremmo andare in estasi per motivi più validi. Oppure è solo una felicità a buon mercato?
Ma siamo liberi nelle nostre scelte, o recitiamo copioni scritti da altri?
Apparteniamo forse ad un “Truman Show “?
Meditate gente, meditate.